Se abitassi in Emilia Romagna al voto andrei perché…

voto

Domenica in Emilia Romagna si vota. ‘E che ti frega’, potrebbe dirmi qualcuno, visto che le sedi della Boraso.com sono una in Veneto e l’altra in Lombardia. E invece mi importa, perché l’Emilia Romagna è una terra di eccellenza, con tutti i suoi distretti, dalla ceramica al biomedicale alla manifattura in generale. Per non parlare della gastronomia e del turismo. Tutti settori che trainano l’economia e fanno business. E per uno che fa marketing, come me, e guarda al futuro, l’Emilia Romagna è una regione fondamentale. Dal suo stato di salute, diciamo così, dipendono anche le altre. Certo gli imprenditori sono delusi. Quelli emiliani, col terremoto del 2012, invece che aiuti hanno avuto ostacoli. Invece che incentivi oneri. Invece che incoraggiamenti disillusioni. Insomma, oltre alla beffa dei capannoni distrutti hanno avuto il danno di doversi in gran parte arrangiare. Alcuni stanno rientrando a regime ora. E alla ‘politica’ hanno dato una bella lezione. Rialzarsi comunque, senza aspettare. Perché se lo avessero fatti, imbrigliati tra tutti quei decreti che uscivano in continuazione, sarebbero ancora lì fermi. Con l’economia ferma. E il danno sarebbe stato per tutti, anche per le regioni vicine. Perché lo ripeto, il mercato regge se c’è competitività, si impalla se c’è moria di aziende. Parlando con imprenditori emiliano romagnoli – perché anche il settore turistico della Romagna è in crisi forte – ho percepito tanta delusione. Anche rispetto alle elezioni. Perché tutti promettono, ma poi……e allora, lo so, mi si potrebbe dire ‘fatti gli affari tuoi’, ma io credo che al voto ci si debba andare, anche perché le Regioni hanno forti competenze su impresa, lavoro, formazione professionale, ricerca, università. E non possiamo rassegnarci al fatto che la politica dimostri continuamente dicapire ‘poco’ l’impresa. Anche perché poi il ‘virus’ si diffonde e contagia anche le altre regioni. E lo dico io che con la Boraso.com ho dato il via a 10 assunzioni senza aspettare le annunciate agevolazioni del Jobs Act. Se vogliamo che il Paese si riprenda, indipendentemente dal ‘colore’, come si diceva una volta, secondo me al voto bisogna andare. Giusto per non rinunciare alla possibilità domani di alzare la voce e pretendere. Anche se la stanchezza la capisco. Però l’Italia ha bisogno che le imprese dell’Emilia Romagna tornino ad eccellere qui e nel mondo.

Massimo Boraso