Quali Media usi nella tua strategia di Marketing?

strategia di Marketing

In un precedente articolo parlando dell’importanza dei contenuti ho scritto che:
Il Content Marketing è un approccio di marketing strategico focalizzato su creazione e condivisione di contenuti rilevanti, efficaci e coerenti per attirare un’audience ben definita, con il fine ultimo di generare vendite e ottenere profitti”.
Un elemento fondamentale è la condivisione del contenuto.
A livello di content marketing si parla di come condividere, mentre in questo post parlerò del luogo della condivisione, ovvero quali media si devono utilizzare in una campagna di Marketing.

Dato per assodato che il nostro contenuto sia di ottima qualità, dobbiamo chiederci dove vada condiviso. Qual è il media che ci permetterà di raggiungere nella maniera più efficace il nostro target?

La scelta che dovremo effettuare ricadrà fondamentalmente su 3 diverse tipologie di Media, ovvero: Paid, Owned ed Earned Media.
Ma cosa sono e quali differenze hanno?

Paid Media: questi sono i media che richiedono un investimento monetario per essere utilizzati.
Possono ad esempio essere le campagne Pay per Click, Google AdWords, Facebook Ads, Twitter Ads e Youtube.
Il grande vantaggio di questo tipo di media è la possibilità di profilare il target di riferimento secondo le proprie esigenze.
Possiamo decidere quando, come e soprattutto a chi far vedere le nostre campagne per ottimizzare il grado di interazione con le stesse.
Non dimentichiamo però il rischio di essere percepiti come “pubblicità ingannevole” che significa allontanare gli utenti. Per evitare ciò dovremo essere il più convincenti possibile nei confronti del nostro target facendo percepire in primis il vantaggio che essi potranno avere grazie al nostro prodotto/servizio come un vantaggio.

Owned Media: i media in nostro possesso. In questa categoria rientrano il blog, il sito web, i profili gestiti sui social network.
Questi media, essendo gestiti direttamente da noi, hanno il vantaggio di essere completamente controllabili.
Caratteristica importante di questi media è quella di fungere da punto di incontro diretto con la nostra clientela, e questo li rende molto importanti a livello di Digital PR e customer care.
Ad un primo impatto possono sembrare estremamente facili da gestire, ma non è così, quindi non vanno assolutamente trascurati!

Earned Media: Sono i media che ci guadagniamo grazie al passaparola sulla rete, la cosiddetta “Word of Mouth”, oppure grazie agli utenti che decidono di partecipare alla conversazione e condividere i nostri contenuti.
Questo tipo di media è quello meno controllabile dall’interno, quindi è di primaria importanza monitorare costantemente la situazione per intervenire in modo tempestivo nel caso di avvenimenti che possano ledere la nostra reputazione.
Per “guadagnare” un maggior numero di Earned Media il nostro focus dovrà essere quello di produrre contenuti rilevanti in modo da incentivare l’audience all’interazione e alla condivisione.

Dopo questa descrizione la domanda che può sorgere spontanea è: ma quali fra questi media devo utilizzare?

La risposta non è univoca e molto dipende dallo specifico caso, ma in generale un mix equilibrato dei 3 diversi tipi di media è l’approccio da adottare, in modo da non trascurare nessuno degli aspetti presi in considerazione.